Cos’è l’Acqua Alta di Venezia

“ACQUA ALTA” A VENEZIA: QUANDO AVVIENE

Innanzitutto dobbiamo capire qual è l’Acqua Alta a Venezia e quando succede:

Il fenomeno dell’alta marea a Venezia si verifica solitamente da novembre a marzo: l’acqua inonda periodicamente le isole basse e, in questi periodi, diverse zone di Venezia vengono allagate, creando così qualche disagio ai residenti ma molto divertimento e meraviglia ai turisti. 
Le zone più colpite dall’Acqua Alta di Venezia sono quelle di San Marco e Rialto perché sono le più antiche e le più basse della città. Il nord (sestiere di Cannaregio) e la zona centrale (sestiere di San Polo) sono le meno colpite.

Va sottolineato che l’alta marea di Venezia impiega solo 6 ore come una normale marea e la sua intensità dipende dal vento di scirocco: più soffia e più il livello dell’acqua aumenta.

 

COME POSSIAMO FARE DELLE PREVISIONI?

 

Potete visitare il sito ufficiale del Comune di Venezia oppure potete scaricare l’applicazione mobile HI!TIDE che fornisce notizie aggiornate sui livelli di marea che vi avvertono del rischio.

In caso di Acqua Alta a Venezia, sentirete un campanello molto forte (e spaventoso) suonare in giro per la città per 1 minuto. Riscalda che in un’ora la marea inizia ad aumentare.

 

COSA FANNO I VENEZIANI DURANTE L’ACQUA ALTA?

 

Fino ai 130 cm vivono la città come al solito, lavorando e seguendo la routine. Dopo quel livello, la situazione inizia ad essere problematica perché l’acqua entra anche nel piano terra di gran parte dei sestieri di Venezia e non solo in Piazza San Marco o Rialto e i proprietari devono evitare che la casa o il negozio siano allagati anche all’interno. Molti locali sono dotati di pompe che spingono l’acqua all’esterno.

In ogni caso, la città è completata organizzata e attrezzata per affrontare l’Alta Marea Venezia.

 

COME SI AFFRONTA L’ACQUA ALTA A VENEZIA?

 

Indubbiamente l’Acqua Alta non è la cosa migliore quando si visita la città: crea problemi a chi si trova a Venezia per la prima volta e non ci è abituato.

Ma il comune di Venezia è perfettamente organizzato per affrontare i problemi dando ai cittadini e ai turisti tutto ciò che serve per vivere la città senza problemi.

La prima cosa che vedrete, sono le banchine poste in Piazza San Marco, il Ponte di Rialto, i campi e le calli e le principali fermate dei battelli pubblici. Qui si possono attraversare senza problemi le zone allagate. Le piattaforme sono utili fino a 140 cm, dopo di che si considera e di emergenza e l’acqua risale le margherite, ma solo 3 volte nell’ultimo secolo l’alta marea di Venezia ha superato quel livello.

Per girare la città senza problemi, si dovrebbe acquistare un paio di stivali (acquistabili ovunque) a prezzi convenienti (da 5 a 10 euro) e utilizzarle per le ore di marea a scomparsa.

NON ci sono problemi per le condutture dell’acqua e la corrente negli appartamenti, nella casa e nell’hotel. Tutto è stato fatto per affrontare l’Acqua Alta che è un fenomeno regolare della città.

Tutti i mezzi pubblici come vaporetto, taxi e gondola funzionano normalmente e i negozi e i ristoranti sono aperti regolarmente.

Quindi, l’unica cosa da fare è salire sulla vostra barca e scattare foto mozzafiato di Venezia sott’acqua!

L’ultimo punto, ma non meno importante, è che durante l’Acqua Alta (a livello regolare quindi fino a 120/130 cm) solo una parte di Venezia è allagata. Non tutta la città è “sott’acqua”.

Il record è del 1966 con un livello di 197 cm dove quasi il 100% dell’isola è stato allagato.