Venezia e la Belle Epoque


Il vecchio e il nuovo si sono scontrati spesso, e non si sono mai riconciliati nel ventesimo secolo. Né Venezia riuscì a sfuggire alle diffamazioni e alle ambivalenze che apparivano nelle interpretazioni dei primi del secolo. Ma la vecchia Serenissima non era ancora morta: c'era infatti un rinnovato fascino per il Settecento.

 

Simmel e i suoi saggi

 

Per il sociologo tedesco Georg Simmel, Venezia era pericolosa e snervante per il suo culto dell'abbigliamento, per la sua cultura della mascherata.

Nel 1907 Simmel scrisse dei saggi comparativi su Firenze e Venezia, in cui interpretava Firenze come la città maschile, forte e virile, con palazzi robusti, e Venezia come femminile, naturalmente, separata dalle relazioni, un luogo superficiale di mera apparenza.

Venezia è la città artificiale dove la gente cammina, ancora una volta, come su un palcoscenico che manca di estensione a destra o a sinistra. La natura le è estranea, perché il verde è assente e quindi le stagioni hanno poco impatto.

Simmel ha ammesso che Venezia è un ordine unico della forma della coscienza mondiale. Ma era un attributo negativo, infatti costituiva la tragedia di Venezia.

Sentiva la vicinanza del subconscio, l'irrazionale, e l'irrazionale, e la temeva, perché era aggravata dall'aspetto stesso della città, dalla sua geografia, dalla vita materiale, dalla sua mancanza di natura, e dal trasporto a piedi o in gondola.

Il ritmo della città delle gondole e dei pedoni era simile alla monotonia del camminare, che rendeva l'esperienza vicina al sogno e quindi irreale, senza gli scossoni necessari a rivitalizzare la vita quotidiana.

Una fatidica ambiguità nasce dalla realtà fisica dei canali e Calli non è né terra né acqua. È uno stato di vita, uno stato di inquietudine fluttuante che disloca l'anima e la rende senza casa.

Se da un lato questo stato disabilitante crea la classica città dell'avventura, dall'altro è una condizione di debolezza, psicologicamente non valida, perché priva di una forte tensione e di una forza di volontà maschile. Simmel ha ignorato l'energica vita finanziaria che Venezia rappresentava tanto quanto Firenze.

 

Monet e i suoi dipinti

 

Claude Monet, famoso artista francese, accettò la sfida di Venezia nel primo decennio del XX secolo. La serie di quadri di Claude Monet dedicata alla città è il frutto di un soggiorno di due mesi nel 1908.

Aveva sessantotto anni quando arrivò con la moglie a Venezia nell'hotel Britannia (oggi Europa Hotel), Madame Monet trovò che le sue tubature e l'elettricità erano magiche. Da Palazzo Barbaro, Monet dipingeva dall'altra parte del canale fino a Palazzo Dario e a Palazzo Contarini. Nella zona del Bacino dipinse Palazzo Ducale e l'isola di San Giorgio. Questi dipinti sono un punto ritardato di una tradizione ariosa, l'evocazione dell'abitudine a guardare ora così intensamente personalizzati da diventare espressionistici, andando oltre le comuni specificità dei colori e delle luci.

 

 

Scopri 7 fantastici tour che puoi fare al tuo ritmo a partire da € 8, clicca qui!